Sciacca, Reperti archeologici di grande valore sequestrati a un pensionato

I ritardi del Prg di SciaccaSCIACCA (AGRIGENTO) – Numerosi reperti archeologici sono stati sequestrati a un professionista, in pensione, di Sciacca (Ag) che è stato denunciato alla Procura per l’ipotesi di reato di impossessamento illecito di beni appartenenti allo Stato e ricettazione. A scovare i reperti è stata la guardia di finanza di Sciacca.

I reperti, giudicati dalla Sovrintendenza di Agrigento di assoluto valore e interesse storico, sono due anfore del primo e terzo secolo, un vaso corinzio del quinto secolo avanti Cristo, una coppa dell’età del bronzo (dal 3.500 a.C. al 1.200 a.C.), una coppa per osite consacrate ed una pateretta del quarto secolo avanti Cristo, due alabastron del quinto secolo avanti Cristo e svariate formelle decorative settecentesche in ceramica. Fiamme gialle e Procura hanno inoltre dimostrato come le maioliche corrispondessero a quelle trafugate dalla tomba monumentale della famiglia Virgadamo, al cimitero di Burgio (Ag).

fonte lasiciliaweb.it
Centro-Flora-Galfano
lola-parucchieri
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *