bug

I migranti della ‘Rubattino’ sbarcano a Palermo, mentre ai siciliani del Nord viene vietato il rientro in Sicilia!

bugCon la regola della quarantena tutti dovrebbero poter entrare in Sicilia. Invece a quanto pare non è così. I migranti possono entrare (stamattina, a Palermo, sono sbarcati 183 migranti dopo la quarantena). Mentre ai siciliani residenti nel Nord Italia si nega il rientro nella nostra Isola. Di fatto, il Governo Musumeci sta penalizzando i siciliani! 

Stamattina la nave-quarantena ‘Raffaele Rubattino’ è entrata nel porto di Palermo. La notizia – che leggiamo su Filodiretto Monreale – è che in città sono sbarcati 183 migranti.

“Si conclude così la lunga attesa per i migranti soccorsi il 5 aprile scorso dalla nave umanitaria Ong, Alan Kurdi, e successivamente trasbordati sul Raffaele Rubattino il 17 aprile, ricevendo la massima assistenza grazie ai sanitari della Croce Rossa Italiana”, leggiamo sempre su Filodiretto Monreale.

A bordo non ci sono migrati affetti da COVID-19 o Coronavirus.

Quello che noi ci chiediamo e chiediamo è: perché i migranti vengono fatti sbarcare a Palermo, mentre ai siciliani ancora oggi presenti nel Nord Italia – e segnatamente in Lombardia – viene impedito di rientrare in Sicilia? Molti di questi siciliani hanno perso il lavoro e nel Nord Italia non sanno che cosa fare.

Che cosa debbono fare questi siciliani per rientrare in Sicilia? Pregare una nave targata ONG di essere portati in un porto della nostra Isola, magari ‘travestiti’ da migranti? (a quanto pare ci guadagnerebbero un tampone in tempi strettissimi: che nella Sicilia di oggi non è una cosa da nulla…).

Il Governo regionale siciliano di Nello Musumeci non può continuare a tergiversare. O le regole valgono per tutti e in Sicilia non entra nessuno, o se si può entrare previa quarantena non si capisce perché dovrebbero essere tenuti fuori dalla Sicilia proprio i siciliani!

06-05-20

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *