73835556-cafa-4197-b399-912a4650deac_1200x500_0.5x0.5_1_crop

Mafia, chiesti dieci anni per re dell’eolico Vito Nicastri Sarebbe vicino al boss latitante Matteo Messina Denaro

L’imprenditore è accusato di concorso esterno e intestazione fittizia di beni. L’anno scorso è stato arrestato e posto ai domiciliari, da dove avrebbe curato i propri affari nelle rinnovabili grazie a prestanomi. Tra i quali il consulente della Lega Paolo Arata

73835556-cafa-4197-b399-912a4650deac_1200x500_0.5x0.5_1_crop

Dodici anni di carcere. Questa la pena chiesta dal pubblico ministero della Dda di Palermo Gianluca De Leo per Vito Nicastri, il re dell’eolico ritenuto vicino al boss di Castelvetrano Matteo Messina Denaro e nei giorni scorsi tornato sulle prime pagine dei giornali per il coinvolgimento nell’inchiesta sul giro di mazzette alla Regione che vede tra gli indagati anche il consulente energetico della Lega ed ex deputato Paolo Arata.

Nicastri era stato arrestato l’anno scorso e posto ai domiciliari. Da dove – stando all’indagine dei giorni scorsi – avrebbe proseguito nei propri affari nel mondo delle rinnovabili, grazie a una serie di prestanome, come lo stesso Arata. In questo processo, è imputato per concorso esterno in associazione mafiosa e intestazione fittizia di beni. Alla sbarra anche il fratello Roberto, per il quale l’accusa ha chiesto dieci anni. Richiesta di condanna a dodici anni per Melchiorre Leone Girolamo Scannariato, mentre per Giuseppe Billetti il pm ha chiesto dieci anni. Il processo si svolge con rito abbreviato. Altre richieste di pena per VirgilioTommaso Antonio Asaro. Per i primi due è stato chiesto un anno e quattro mesi, per il terzo un anno.

REDAZIONE 24-04-2019

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *