MS

La Regione se ne lava le mani. E Messina riapre i porti

MS

Gli ultimi siciliani rimasti all’addiaccio per tre giorni, in condizioni strenue e quasi senza cibo, hanno lasciato questa notte Villa San Giovanni e sono rientrati in Sicilia, diretti alla quarantena nelle proprie abitazioni. Con le telecamere a debita distanza, si è conclusa così l’odissea alimentata, in primis, dal governatore Nello Musumeci, che domenica sera, dopo mezzanotte, aveva fatto risuonare l’allarme via social, mostrando una lunga coda di auto agli imbarcaderi (“Questa gente non può entrare, noi siciliani non siamo carne da macello”, aveva tuonato su Facebook prima di dare dell’irresponsabile al Ministro dell’Interno Lamorgese ed essere smentito, nei fatti, dai numeri del Viminale).

Ci aveva messo il carico il sindaco di Messina, Cateno De Luca, che lunedì si era presentato sulla Rada San Francesco, per impedire “fisicamente” l’approdo del traghetto (ma a bordo c’erano soltanto ventisei auto). Il grosso della comitiva, compresi bambini e anziani, erano rimasti stipati per una notte intera nel piazzale Anas di Villa San Giovanni, in attesa di qualche indicazione utile. I primi centocinquanta viaggiatori – soprattutto famiglie – erano riuscite a evadere da quel “carcere” martedì sera, scortati dal sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, che cautamente s’è preso cura di loro. Gli altri sono rimasti un’altra notte in città e, secondo le indicazioni di Prefettura e Regione Calabria, avrebbero soggiornato all’Hotel Excelsior, all’insaputa del sindaco. Che ieri, dopo aver “liberato in mare” gli ultimi siciliani – provvidenziale la corsa extra predisposta dal Ministero dell’Interno – è venuto a conoscenza della situazione: “Ho avuto conferma della presenza di qualcuna di queste persone (una trentina, ndr) in un albergo della nostra città. Pare che la direttiva sia arrivata dalla Regione Calabria, ma voglio capire chi ha dato l’ordine e perché il sindaco non è stato avvisato. Pretendo un risarcimento dei danni subiti, perché questa situazione potrebbe ingenerare il rischio dell’aumento dei contagi in città”.

Da siciliano il problema è diventato calabrese. “Le vigenti disposizioni non prevedono, né consentono, alcuna autorizzazione, da parte del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, in merito agli spostamenti dall’estero, sul territorio nazionale e nello Stretto di Messina verso l’Isola – specificava, nel tardo pomeriggio di ieri, una nota della Regione siciliana -. I requisiti, e le modalità, sono infatti stabiliti dal decreto del presidente del Consiglio del 22 marzo e dai decreti interministeriali della Salute e delle Infrastrutture del 18 e 24 marzo”. Il passo di lato era già avvenuto. Sia Musumeci che De Luca, da un paio di giorni, s’interessano d’altro.

26-03-2020

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright RG Corporation© 2017 (Il Belìce Informa, blog/aggregatore di notizie della Valle del Belice)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi