tr

I grillini ‘salvano’ Sergio Tancredi: la sua espulsione rilancerà la sua attività politica

tr

Diciamolo con chiarezza: dopo la disastrosa esperienza con i leghisti e con l’attuale altrettanto disastrosa esperienza con il PD nel Governo Conte bis, ormai il Movimento 5 Stelle evoca l’immagine del fallimento della politica. Sergio Tancredi ha avuto la fortuna di essere espulso dal Movimento: e questo lo aiuta tantissimo  

Da circa un anno seguiamo ormai distrattamente la vita dell’Assemblea regionale siciliana. Decisione maturata dopo un ‘esame obiettivo’ che ci ha portati a constatare che nel ‘Palazzo’ non c’è più ‘vita’. Ciò posto, non possiamo non rilevare e far notare che Sergio Tancredi – il parlamentare regionale espulso dal Movimento 5 Stelle – è uno dei pochissimi ‘inquilini’ di Palazzo Reale che ha ancora ‘vita’ e che cerca di darsi da fare.

Abbiamo avuto modo di apprezzarlo in alcune battaglie politiche e parlamentari in favore della Sicilia, dai celeberrimi ‘Patti scellerati tra Renzi e Crocetta alla maramalda cancellazione dei crediti dal Bilancio della Regione, fino all’analisi delle ‘gesta’ della passata Commissione paritetica tra Stato e Regione.

Proprio su quest’ultimo argomento – le ‘gesta’ della passata Commissione paritetica tra Stato e Regione siciliana – abbiamo avuto il piacere di ospitare un intervento del parlamentare Sergio Tancredi che è sempre attuale.

Tancredi è stato espulso perché non ha restituito una parte dell’indennità parlamentare al Movimento 5 Stelle. Da quello che sappiamo noi, Tancredi non ha restituito la parte dell’indennità parlamentare perché è in causa che l’ex parlamentare Antonio Venturino.

Che dire? Che, forse, Tancredi da questo strappo ha tutto da guadagnare. Come scriviamo spesso, i grillini, ormai, sono all’ultimo giro.

Hanno già ceduto sulle autostrade, con il PD che gli ha fatto ‘inghiottire’ tutti gli impegni che avevano assunto con gli italiani all’indomani del crollo del Ponte Morandi di Genova. In questo momento non sappiamo nemmeno se terranno la linea sul MES, il Meccanismo Europeo di Stabilità, o se cederanno anche su tale fronte. Così come non sappiamo – l’abbiamo scritto stamattina – se bloccheranno o se si adegueranno anche sul 5G.

Certo, se dovessero bloccare il MES e il 5G potrebbero anche tentare un rilancio del Movimento: ma non crediamo che ne abbiano la voglia e la forza: da quello che vediamo sembrano ormai la stampella del PD. Come avvenuto per il partito dell’ex Ministro Angelino Alfano, i grillini sono destinati a scomparire.

Visto l’andazzo, Tancredi ha tutto da guadagnare. E, magari, insieme con lui, potrebbero ‘smarcarsi’ anche altri parlamentari regionali grillini. Insieme potrebbero dare vita a un nuovo gruppo parlamentare che potrebbe lavorare per la Sicilia.

23-04-2020

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *