0

“Contributo di un Castelvetranese nella moto più bella di Eicma 2018. Vito Cusumano impegnato nella progettazione della MV Agusta Brutale 1000 Serie Oro.”

0

Nell’ultima edizione appena conclusa di Eicma 2018 è stata eletta come moto più bella della famosa fiera motociclistica milanese la nuova MV Agusta Brutale 1000 Serie Oro, realizzata in soli 300 esemplari e capace di raggiungere i 300 km/h. Moto sulla quale ha avuto l’opportunità di lavorare uno dei giovani talenti di Castelvetrano, Vito Cusumano, nel ruolo di Digital Designer.

0

 

 

 

Il termine “Designer” viene spesso sentito nel mondo professionale. Ma di cosa ti occupi esattamente? Com’è nata questa passione?

Sì, è vero, spesso sentiamo dire “Design” o “Designer” ma molti non sanno esattamente di cosa si tratti e di cosa si occupi chi fa questo tipo di lavoro. Sinceramente non mi stupisco perchè anch’io quando sentii parlare del mondo del Transportation Design per la prima volta mi feci qualche domanda.

E’ un mondo professionale che mette insieme alcune tra le più grandi passioni di chi intraprende questo tipo di carriera lavorativa: la progettazione, il disegno, il mondo dei veicoli. Il ruolo in questione prevede la partecipazione alle fasi di sviluppo concettuale, funzionale e stilistico di qualsiasi tipo di mezzo, in continua relazione a quello ingegneristico.

3e02af7b-e0c2-4bd2-a52f-146830e677a3

Il mio contributo viene dato in una delle fasi un po’ più avanzate del tragitto che un veicolo percorre fino alla sua realizzazione. Si tratta di progettazione digitale cioè tramite l’utilizzo di un software 3D, da cui il nome del ruolo da me occupato di Digital Disegner.

 

Che percorso di studi hai intrapreso?

Grazie al sostegno dei miei genitori e alla determinazione che ho avuto nell’inseguire un mio grande sogno, ho iniziato nel 2013 il triennio in “Transportation Design” presso lo IAAD di Torino. Un percorso di laurea che offre ottime percentuali lavorative agli studenti e che dà modo a questi di amplificare le proprie capacità creative ed artistiche.

0

 

Che esperienze lavorative hai avuto modo di affrontare dopo la laurea?

Dopo poco tempo dalla proclamazione ho iniziato a lavorare in uno studio di design ed architettura in cui ho contribuito a progetti sia nel transportation design che nell’industrial e ho avuto la piacevole possibilità di occuparmi di oggetti di vario genere. Subito dopo ho iniziato l’esperienza nell’azienda in cui ancora oggi mi trovo, lavorando per famosi marchi automobilistici e motociclistici, muovendomi per l’Italia e non solo.

0

 

 

Parlaci un po’ invece della tua esperienza in MV Agusta e della moto sulla quale hai avuto modo di lavorare. Di cosa ti sei occupato? Cosa hai provato?

L’emozione di visitare la sede di uno dei marchi storici italiani nel mondo delle due ruote e delle competizioni è stata fortissima. Ancora più emozionante è stato avere l’onore di lavorare su quella che è stata dichiarata non solo la moto più bella dell’Eicma 2018 ma anche la moto naked più potente mai prodotta coi suoi 208 cavalli.

Nello specifico mi sono concetrato sullo sviluppo della parte posteriore, la cosiddetta “Coda”, collaborando con designer e tecnici dell’azienda stessa.

 

Cosa vuoi dire ai giovani di Castelvetrano? Cosa hai appreso da queste tue esperienze?

Ai giovani di Castelvetrano voglio ribadire qualcosa che hanno sicuramente sentito tante volte e che magari può sembrare banale. Qualcosa che io ho provato, che sto provando e che voglio condividere. Inseguite le vostre passioni, i vostri sogni! Dovreste almeno provarci per capire se quel sogno o quella passione possa diventare quotidianetà.

 

Ho avuto il piacere di raccontarvi la storia di questo giovane ragazzo di soli 24 anni. Un esempio che contrariamente a quanto succede di solito mi ha permesso di parlare del paese di Castelvetrano in chiave positiva. Mi ha permesso di ribadire ancora una volta che il nostro territorio deve andar fiero delle proprie risorse e di quello che può offrire.

redazione 26-11-2018

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *