BancoPosta e Postepay, occhio alla truffa online: così vi rubano i risparmi

truffa-postepayTitolari di conti correnti BancoPosta o di Postepay nel mirino dei truffatori online: sono stati recapitati messaggi che in apparenza provengono da Poste Italiane, ma che in realtà invitano a cliccare su link che poi si rivelano un modo per sottrarre le credenziali ed accedere abusivamente ai loro dati. I messaggi non provengono da Poste Italiane.

Ad allertare i risparmiatori è la pagina Facebook della polizia postale, che mostra lo screenshot di uno dei tipici messaggini ricevuti sui telefonini dei clienti di poste italiane. I messaggi arrivano sulla mail o sullo smarthpone, tablet o pc, e invitano a mettere mano ai propri dati o a cliccare su qualche link che riguarda la propria Postpay, il proprio conto BancoPosta o prodotti similari.

È fondamentale prestare sempre attenzione ad ogni messaggio che ci giunge, leggendolo attentamente, e cestinarlo subito dopo, una volta verificato il contenuto truffaldino. Non bisogna mai cliccare sui link, né rispondere alle richieste di dati personali o bancari o aprire gli allegati che spesso sono contenuti, per evitare qualsiasi tipo di conseguenza.

“Ma l’aumento costante delle truffe di questo tipo – spiega il presidente dello Sportello dei Diritti,  Giovanni D’Agata – è così preoccupante che è necessario che l’ente controllato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze intervenga con ulteriori misure per garantire ancor maggior sicurezza dei propri prodotti. Nel caso siate comunque incappati nella frode potrete rivolgervi agli esperti della nostra associazione tramite i nostri contatti email info@sportellodeidiritti.org o segnalazioni@sportellodeidiritti.org per valutare immediatamente tutte le soluzioni del caso per evitare pregiudizi”.

siciliafan.it

gioielli_geraci
effevi-auto

Centro-Flora-Galfano
lola-parucchieri

bottinoauto
Parti-e-Scopri

momotaro-modulo
bomboni1

Fly-in-Song
New-Flora-Maliarda

CAE-Caracci
Assunta-Carlino-Wedding-Planner

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *