[bar id=”789″]

[bar id=”790″]

[bar id=”791″]

Asp: solo temporaneo accorpamento Cardiologie di Mazara e Castelvetrano

ospedale-castelvetrano-535x300“Nel lontano 2009 non volli che il reparto di Cardiologia di Mazara del Vallo venisse accorpato con quello di Castelvetrano, per la chiusura dell’Abele Ajello, quando la logica, la spending review e la carenza di personale avrebbero voluto il contrario, e lo feci proprio per indicare chiaramente la volontà di riaprire l’ospedale, e ora dovrei farlo, quando siamo sulla linea del traguardo per inaugurare a Mazara un nuovo ospedale, moderno ed efficiente? Si tratta solo di un accorpamento funzionale provvisorio di due reparti ubicati in piani diversi dello stesso nosocomio, per razionalizzare il lavoro in questo momento di emergenza”. Così il direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani, Fabrizio De Nicola, sull’accorpamento dei due reparti di Cardiologia.
“Il provvedimento – aggiunge il direttore sanitario dell’Asp, Antonio Siracusa – serve a garantire i livelli essenziali di assistenza e consente al personale sanitario, soprattutto quello infermieristico in questo momento particolarmente deficitario, di potere esercitare il diritto alle ferie. Una decisione già presa negli anni scorsi per diverse Unità operative della provincia. E anche quest’anno non sarà l’unico caso, in attesa che arrivi l’input dall’Assessorato alla Salute per procedere all’avvio delle procedure concorsuali”.
Per Luigi Sicurella, responsabile del dipartimento di Medicina dell’Asp, a cui afferiscono le due unità operative, “questo consentirà di migliorare e potenziare l’assistenza cardiologica nell’area di emergenza-urgenza di Mazara del Vallo, e garantendo ai pazienti lo stesso servizio presso l’ospedale di Castelvetrano. Un lavoro di razionalizzazione identico a quello effettuato parallelamente con i reparti di otorino, oculistica e urologia dell’ospedale di Trapani, anch’essi accorpati funzionalmente”.

di trapanioggi.it

6 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *